La transizione energetica rimane lontana

«Dovremo usare meno l’auto e di più i servizi pubblici, dovremo abbassare il termostato del riscaldamento nelle case e negli uffici, nel mio come nel vostro; dove basta una lampada non occorre usarne due. L’epoca dell’energia abbondante e a basso costo è tramontata: ciò impone un serio ripensamento dello sviluppo economico, del modo di vita, delle priorità di investimento».

Queste parole pronunciate da un avveduto e lungimirante statista che invita a definire le priorità strategiche, dovrebbero far riflettere. Non solo nel momento contingente. Parlare oggi dopo i danni e le morti di ieri in varie regioni italiane, mi sembra banale o addirittura retorico . Del resto sei mesi fa dicevamo le stesse cose dopo i disastri in Sicilia e poi in Emilia Romagna. A caldo tutti a parlare di azioni prioritarie per la difesa delle nostre colline fragili, sulla necessità di garantire invasi di laminazione per contenere le fiumane periodiche, tutti a discutere sulla pulizia e sulla manutenzione dei torrenti e dei corsi d’acqua. Poi il tema svanisce, anche nel Pnrr le priorità vengono spostate, la transizione energetica arranca, i negazionisti riprendono coraggio e si continua così, allungando inutilmente e colpevolmente il dibattito, fino alla prossima catastrofe. Anche le chiacchiere, non solo le azioni del Governo, stanno a zero su questo fronte. Manca infatti una decisa azione di sostegno della riconversione energetica e tecnologica. Una azione che riprendesse in versione energetica e tecnologica il progetto Industria 4.0 del governo Renzi (Ministro Calenda, ndr) delle nostre aziende sarebbe intelligente. Non solo perché andrebbe nella direzione di promuovere uno sviluppo sostenibile, ma anche perché l’evoluzione della scienza, della tecnologia, della produzione e della domanda nel mondo comunque va in quella direzione. Procede. Anche se a noi non interessa comunque va avanti. E se noi non investiamo in nuove tecnologie e in nuove produzioni, trincerandoci in una inutile difesa del presente (che sta già diventando vecchio che in tecnologia si traduce obsoleto) comunque avremo la sgradita sorpresa di trovarci fra pochi semestri (non anni) fuori mercato. Anche solo per questo dovremmo ascoltare le parole di quel politico.
Ah, dimenticavo. Le parole sono state pronunciate dal presidente del Consiglio nel novembre del 1973. Si, avete letto bene. Di cinquant’anni fa esatti. Tale Rumor on. Mariano. Deputato di Vicenza.

Odiare le auto!

Le questioni del traffico e dell’inquinamento cittadino sono due problemi strettamente legati tra loro, che sono stati talmente dibattuti che

Leggi »

Febbraio 2024

L
M
M
G
V
S
D
29
30
31
1
2
3
4
Events for 1 Febbraio
Nessun evento
Events for 2 Febbraio
Nessun evento
Events for 3 Febbraio
Nessun evento
Events for 4 Febbraio
Nessun evento
5
6
7
8
9
10
11
Events for 5 Febbraio
Nessun evento
Events for 6 Febbraio
Nessun evento
Events for 7 Febbraio
Nessun evento
Events for 8 Febbraio
Nessun evento
Events for 9 Febbraio
Nessun evento
Events for 10 Febbraio
Nessun evento
Events for 11 Febbraio
Nessun evento
12
13
14
15
16
17
18
Events for 12 Febbraio
Nessun evento
Events for 13 Febbraio
Nessun evento
Events for 14 Febbraio
Nessun evento
Events for 15 Febbraio
Nessun evento
Events for 16 Febbraio
Nessun evento
Events for 17 Febbraio
Nessun evento
Events for 18 Febbraio
Nessun evento
19
20
21
22
23
24
25
Events for 19 Febbraio
Nessun evento
Events for 20 Febbraio
Nessun evento
Events for 21 Febbraio
Nessun evento
Events for 22 Febbraio
Nessun evento
Events for 23 Febbraio
Nessun evento
Events for 24 Febbraio
Nessun evento
Events for 25 Febbraio
Nessun evento
26
27
28
29
1
2
3
Events for 26 Febbraio
Nessun evento
Events for 27 Febbraio
Nessun evento
Events for 28 Febbraio
Nessun evento
Events for 29 Febbraio
Nessun evento