SIRENE

All’inizio c’è il buio. Poi il vento. Un vento forte, che pare insinuarsi fisicamente nel luogo. Io penso a Fellini, al vento in Fellini. Nei Vitelloni, in Otto e 1/2, in Amarcord, e in quel miracolo scenico del Satyricon. Ecco, l’incipit di “Sirene” chissà poi perché, mi ricorda il Satyricon di Fellini. Quel senso di decadenza lasciva, misto a timore strisciante, spaesamento e attrazione. E la materia, la carne, i sensi, gli elementi. La storia del canto delle Sirene la sappiamo, non è certo qui che ha senso raccontarla. E nemmeno lo spettacolo, scritto e diretto da Anna Zago, ha ambizioni descrittive o almeno non le confessa. Siamo di fronte ad una suggestione, non ad una narrazione. La donna, le donne, le tre sirene (la Zago, Patrizia Laquidara e Stefania Carlesso) sono muse e mito ma minuto dopo minuto diventano sempre più amanti, mogli, madri, custodi dell’eterno femmineo, della colpa e della condanna, del sesso e del pentimento, della vita e della morte. Il simbolismo è scarno, la scena quasi nuda. Ma l’acqua, che è lo scoglio e la riva in cui attendere altri e nuovi Odisseo, diventa protagonista come già lo era il vento. Le sirene vi si bagnano, come in una tentatrice fonte battesimale. L’invito è esplicito e la vicinanza fisica col pubblico unisce in un rituale collettivo questa rappresentazione. L’uomo viene accolto, irriso, coinvolto, sedotto. L’uomo è presente anche nell’assenza, forse persino di più. Mentre la sirena/penelope tesse la tela che è il tempo, è l’atavica attesa che uomo e donna siano una sola cosa come nel sangue dell’eden. Non è uno spettacolo femminista, è uno spettacolo femminile. E non è neanche uno spettacolo. E’ un concerto per voci, di un trio che si concede con slancio onirico ed erotico. In questo, la voce e le melodie di Patrizia Laquidara sono fondamentali e di enorme presa. La Laquidara danza da ferma, crea nenie antiche ed ipnotiche e quando usa al pieno la sua splendida voce porta l’esibizione tutta al suo vertice indiscusso. Esco da teatro ancora col vento, che alla fine torna e non se ne va nemmeno dopo. Mi accompagna anche il pensiero che l’uomo e la donna non parlano. E allora penso a Tiresia, al vecchio Tiresia, che nella sua vita era stato sia uomo che donna. E soleva dire che quand’era uomo aveva l’impeto del mare, e quand’era donna l’amore della terra per poi capire che nel nostro pianeta, di fatto, c’è più terra che mare.

Maggio 2022

L
M
M
G
V
S
D
25
26
27
28
29
30
1
Events for 28 Aprile
Events for 29 Aprile
20:45

SOLUS AMOR

Vicenza - Teatro Comunale | Sala Maggiore
Events for 30 Aprile
20:45

SOLUS AMOR

Vicenza - Teatro Comunale | Sala Maggiore
Events for 1 Maggio
2
3
4
5
6
7
8
Events for 2 Maggio
Nessun evento
Events for 3 Maggio
Events for 4 Maggio
Events for 5 Maggio
Nessun evento
Events for 6 Maggio
Events for 7 Maggio
Nessun evento
Events for 8 Maggio
Nessun evento
9
10
11
12
13
14
15
Events for 9 Maggio
Nessun evento
Events for 10 Maggio
Nessun evento
Events for 11 Maggio
Nessun evento
Events for 12 Maggio
Nessun evento
Events for 13 Maggio
Events for 14 Maggio
Nessun evento
Events for 15 Maggio
Nessun evento
16
17
18
19
20
21
22
Events for 16 Maggio
Nessun evento
Events for 17 Maggio
Nessun evento
Events for 18 Maggio
Nessun evento
Events for 19 Maggio
Nessun evento
Events for 20 Maggio
Nessun evento
Events for 21 Maggio
Nessun evento
Events for 22 Maggio
23
24
25
26
27
28
29
Events for 23 Maggio
Nessun evento
Events for 24 Maggio
Nessun evento
Events for 25 Maggio
Events for 26 Maggio
Events for 27 Maggio
Nessun evento
Events for 28 Maggio
Nessun evento
Events for 29 Maggio
Nessun evento
30
31
1
2
3
4
5
Events for 30 Maggio
Nessun evento
Events for 31 Maggio