EDOARDO MAGGIOLO “SAMIZDAT”: LA RECENSIONE

Rumori di fondo, suoni disturbati e poi una fisarmonica che dialoga con un clarino. Inizia così “Samizdat” di Edoardo Maggiolo. Viene in mente il lavoro di Matt Elliott, un mix di balcani e “gipsies” che apre il disco in maniera spiazzante e al contempo accogliente. L’incipit viene poi confermato da quel che segue: piano preparato, jazz d’avanguardia, il silenzio come elemento fondamentale nella composizione. “Samizdat” in russo significa “edito in proprio” e si riferisce quindi, in generale, a tutte le produzioni artistiche o giornalistiche che debbano essere prodotte “in casa” per aggirare la censura del regime. L’ispirazione che permea il lavoro di Maggiolo, viene comunque dal capolavoro assoluto di Bulgakov “Il maestro e margherita”, a cui i titoli dei brani si rifanno, a cui si deve il concetto di “Samizdat” e verso cui anche la musica ha più di un debito. In comune con il libro di Bulgakov vi è uno spirito fortemente di anarchica spensieratezza, che se nel romanzo prende più di una volta strade intrise di ironia e sarcasmo, qui sposa il “free form” come unica via al rigido declino perenne del mondo e quindi anche della musica che (per dirla col poeta) “ci gira intorno”. In “fuori programma al varietè…” si passa da Kurt Weil a Tom Waits, ma mai con la spocchia del musicista d’avanguardia, piuttosto con un atteggiamento di cesellatore di suoni, di raccoglitore di “field recordings”. Ecco quindi un canto di uccelli, rumori di campanacci, il tutto registrato e prodotto “con voluta incertezza” come recitano le note. Il piano rimane protagonista, un piano di Cageana memoria, sepolcrale eppure lirico,  come in “E’ sempre mezzanotte” che sopra un brusio industriale, dipana una parvenza di giro melodico di cupa solitudine. Vi è a volte un’impressione di malcelata insicurezza sulla direzione da prendere. Come se Maggiolo volesse una composizione più armonica ma allo stesso tempo ne tema gli sviluppi. Il senso di patchwork ogni tanto prende il sopravvento e siamo curiosi di capire dove può andare in futuro il compositore vicentino perché le stimmate del musicista colto ce le ha senza dubbio. Quando arriva una batteria ripetitiva sotto un tappeto di fisarmonica e clarino in “L’assassino la donna il buffone e il gatto” pare quasi di sentire gli ultimi Talk Talk. Ma è solo poco più di un istante, prima che Edoardo “sporchi” il brano con intrusioni rumoristiche. L’indeterminatezza pare sia la cifra dell’opera. “Torrenti lunari” chiude il lavoro lasciando una sensazione di alienante pace.

https://edoardomaggiolo.bandcamp.com/album/samizdat

Novembre 2022

L
M
M
G
V
S
D
31
1
2
3
4
5
6
Events for 1 Novembre
Nessun evento
Events for 2 Novembre
Nessun evento
Events for 3 Novembre
Nessun evento
Events for 4 Novembre
Nessun evento
Events for 5 Novembre
Nessun evento
Events for 6 Novembre
Nessun evento
7
8
9
10
11
12
13
Events for 7 Novembre
Nessun evento
Events for 8 Novembre
Nessun evento
Events for 9 Novembre
Nessun evento
Events for 10 Novembre
Nessun evento
Events for 11 Novembre
Nessun evento
Events for 12 Novembre
Nessun evento
Events for 13 Novembre
Nessun evento
14
15
16
17
18
19
20
Events for 14 Novembre
Nessun evento
Events for 15 Novembre
Nessun evento
Events for 16 Novembre
Nessun evento
Events for 17 Novembre
Nessun evento
Events for 18 Novembre
Nessun evento
Events for 19 Novembre
Nessun evento
Events for 20 Novembre
Nessun evento
21
22
23
24
25
26
27
Events for 21 Novembre
Nessun evento
Events for 22 Novembre
Nessun evento
Events for 23 Novembre
Nessun evento
Events for 24 Novembre
Nessun evento
Events for 25 Novembre
Nessun evento
Events for 26 Novembre
Nessun evento
Events for 27 Novembre
Nessun evento
28
29
30
1
2
3
4
Events for 28 Novembre
Nessun evento
Events for 29 Novembre
Nessun evento
Events for 30 Novembre
Nessun evento