Un colpo al cerchio e uno ai botti

“Il sindaco Francesco Rucco ha firmato un’ordinanza che estende, dal 31 dicembre 2022 al 7 gennaio 2023, il divieto di accendere e lanciare fuochi d’artificio, sparare petardi, far scoppiare mortaretti, razzi e altri artifici pirotecnici sulla pubblica via, nelle piazze, nei parchi comunali e in tutti i luoghi pubblici frequentati dai cittadini” Così recita il comunicato stampa del Comune di Vicenza che ci spegne l’illusione di essere poveri. Quel senso di appartenenza ad un mondo ultimo che trova solo nello sfogo la giustificazione della sua bava alla bocca quotidiana. Ma come? Ci togli i botti? Però i terroni li usano eccome. Ecco vedi? Noi neanche quello.

Certo, a fare quelli che ragionano, non è difficile trovare di buonsenso la dichiarazione del Sindaco quando dice che: “L’utilizzo di giochi pirotecnici e in particolare lo scoppio di petardi, può avere gravi ripercussioni sulla collettività, causando anche danni alle persone e a cose, nonché particolari effetti negativi sugli animali”. Eh beh, ci mancherebbe altro. Ma dov’è la lavatrice gettata dalla finestra che cade dritta sulla macchina di Fantozzi? Dov’è il petardo che porta via due dita della mano al padre di famiglia che non vedeva l’ora di far partire il suo razzo casalingo? Dov’è quel poggiolo che prende fuoco mentre i bambini piangono? Ci stanno togliendo il diritto ad essere animalmente e ritualmente selvaggi. In anni del genere, dopo una pandemia, con l’inflazione che ci toglie la tredicesima, con la festa in piazza che non viene fatta perché i conti (e i contabili) non tornano … e non possiamo sfogarci?

Ho pensato a quando mio padre, asiaghese ferreo, mi diceva sempre che ostentare felicità era peggio di lamentarsi. I montanari hanno questo senso del pudore che somiglia alla natura che li circonda. Mai ammetterebbero di aver bevuto troppo, ma sempre espongono le bottiglie a cui hanno tirato il collo. Credo si chiami onestà. E cosa c’entra coi petardi e la festa in piazza? C’entra perché quando il mondo era molto più semplice si faceva tutto, senza pensieri e sovrastrutture. Che poi erano robe da terroni se uno ci lasciava un dito. E in fondo, non siamo tutti terroni?

Natale di luce

Abbiamo passato mesi a chiederci come sarebbe stato il Natale quest’anno: meno luminoso, senza luci, più austero, buio? Sia mai!

Leggi »

Febbraio 2023

L
M
M
G
V
S
D
30
31
1
2
3
4
5
Events for 1 Febbraio
Nessun evento
Events for 2 Febbraio
Nessun evento
Events for 3 Febbraio
Nessun evento
Events for 4 Febbraio
Nessun evento
Events for 5 Febbraio
Nessun evento
6
7
8
9
10
11
12
Events for 6 Febbraio
Nessun evento
Events for 7 Febbraio
Nessun evento
Events for 8 Febbraio
Nessun evento
Events for 9 Febbraio
Nessun evento
Events for 10 Febbraio
Nessun evento
Events for 11 Febbraio
Nessun evento
Events for 12 Febbraio
Nessun evento
13
14
15
16
17
18
19
Events for 13 Febbraio
Nessun evento
Events for 14 Febbraio
Nessun evento
Events for 15 Febbraio
Nessun evento
Events for 16 Febbraio
Nessun evento
Events for 17 Febbraio
Nessun evento
Events for 18 Febbraio
Nessun evento
Events for 19 Febbraio
Nessun evento
20
21
22
23
24
25
26
Events for 20 Febbraio
Nessun evento
Events for 21 Febbraio
Nessun evento
Events for 22 Febbraio
Nessun evento
Events for 23 Febbraio
Nessun evento
Events for 24 Febbraio
Nessun evento
Events for 25 Febbraio
Nessun evento
Events for 26 Febbraio
Nessun evento
27
28
1
2
3
4
5
Events for 27 Febbraio
Nessun evento
Events for 28 Febbraio
Nessun evento